Gianluca Marino



INTERNATIONAL PURCHASE


PURCHASE FROM ITALY


Jazz and bossa for classical guitar

Five brazilian and american classical standards
for classical guitar


A Felicidade, Chega de Saudade, Wave di A. C. Jobim
Manhã de Carnaval di L. Bonfá
Stella by Starlight di V. Young

Cod. Art. NJBB-IT14

 

 

"Gli arrangiamenti di Gianluca Marino rivelano un gusto raffinato e una conoscenza profonda del repertorio proposto.
Il contrappunto e l'elaborazione armonica sono resi sapientamente e la giusta combinazione tra il popolare e il colto fanno di queste musiche un materiale ricco di possibilità per l'interprete moderno. In definitiva un lavoro che non può mancare nella biblioteca di ogni chitarrista davvero motivato nella scoperta di nuovi repertori…"

Gianvito Pulzone (Direttore GuitArt Magazine)
                                                                                                                                                                                                   
"Ho letto con piacere gli arrangiamenti di Gianluca Marino e ne ho apprezzato il gusto e la fantasia.

Sono pagine piacevoli da suonare e danno la possibilità' ai chitarristi di sperimentare le armonie complesse, i ritmi e i fraseggi tipici della Bossa Nova, un genere musicale così vicino ma nello stesso tempo così' misterioso per chi si dedica solo al classico."

Flavio Cucchi
                                                                                                                                                                                                                                                 
" Ho trovato questo suo lavoro, improntato principalmente sulla Musica brasiliana, molto interessante. La rilettura che fa Gianluca di questi brani classici e` originale e raffinata con uno sviluppo armonico e melodico molto intrigante e mai scontato. E trattandosi di brani "classici" gia`suonatissimi e sentiti in tutte le salse possibili, e` facile cadere e "scadere"nel gia` sentito. Ma in questo caso non e` cosi`, basti pensare, giusto per fare un paio di esempi, al bordone tenuto sul brano How insensitive o alla magnifica rilettura di Manha de Carnaval."

Antonio Onorato
                                                                                                                                                                                                                                   
"La trascrizione è un lavoro pregevole e attento a non tradire l'impatto emozionale che suggerisce l'originale scrittura, come risulta scorrevole l'approccio di fraseggi che accarezzano il complesso mondo del jazz...per il chitarrista di impostazione classica ( e non..) è un ottimo viatico per andare oltre la gabbia dell'accademismo e liberare la vera essenza della musica."

Mauro Di Domenico
                                                                                                                                                                                                                                       
"Sono troppo pochi i chitarristi jazz che si esprimono con la sonorità pura e incontaminata della chitarra classica. Questo importante lavoro colma questa lacuna mettendo in comunicazione questi due poli apparentemente opposti nel genere intermedio della bossa nova." 

Giovanni Monteforte
                                                                                                                                                                                                                                        
"Gianluca Marino è un grande musicista ed ha arrangiato in modo magistrale questi standards... Consiglio vivamente questo bellissimo libro e complimenti per il grande lavoro! bravo!!!"

Giuseppe Continenza
                                                                                                                                                                                                                                  


 “… la caratteristica dell'Orfeu Negro proposto dall'Effetto Musica Ensemble e Claudia Marss è in una particolare fusione di elementi europei, sudamericani e jazzistici: in pratica, la formazione riesce a interpretare brani e ritmi prestando grande attenzione alle matrici originarie ma, senza snaturare o tentare soluzioni inutilmente ardite, lasciando passare influenze e ascolti, esperienze e punti di vista personali. I sette musicisti riprendono e utilizzano il repertorio con grande rispetto ma lasciano intendere come da quelle esperienze siano passati cinque decenni e, quindi nel frattempo, siano state trovate nuove soluzioni sonore e nuove sintesi di linguaggio: gli elementi entrano con discrezione nel fraseggio, nella costruzione degli assolo, nella gestione del ritmo.
Uno scambio circolare tra i vari poli di questo percorso: dal Brasile al jazz, dalle esperienze methenyane ai tanti accenti del jazz italiano e mediterraneo…” 

Fabio Ciminiera – JAZZCONVENTION

 

“…non è certo sbagliato sostenere che il successo mondiale della nuova musica brasiliana sia stato veicolato anche da Orfeo Negro. Del tutto opportuno quindi il bel lavoro appena pubblicato da Effetto Musica Ensemblee da  HYPERLINK "http://www.jazzitalia.net/Artisti/claudiamarss.asp" Claudia Marss, che ripropone oggi, rendendogli l'omaggio doveroso, quella bellissima colonna sonora. Una "pura operazione culturale" come giustamente dice Paolo Piangiarelli nelle note di copertina del disco edito dalla sua Philology. "una ricostruzione appassionata e filologica"…una lettura diversa, più jazzistica, più riflessiva meno concitata, non per questo meno sincera e meno ricca di saudade. Fra l'altro nel disco di EME, c'è un brano non presente nel disco originale, un bellissimo monologo tratto dalla piece di Vinicius in cui la voce di Claudia Marss trasmette la liquida, musicale malinconia della lingua brasiliana…” 

Marco Buttafuoco - JAZZITALIA

 

 

“…l’approccio interpretativo dell’ensemble rimane nel solco di un jazz raffinato e suadente che risalta per capacità musicali dei musicisti e per l’onestà di fondo del progetto…in particolare, la resa  di “Frevo”, e la seconda versione di “Manhã de carnaval”, con l’eccellente lavoro di arrangiamento al pianoforte in versione ritmico-percussiva di Enzo Orefice rendono, intatta, la personalità dell’ensemble alle prese con un repertorio così ingombrante. Mantenendosi fedeli ad un approccio più levigato e occidentale rispetto al materiale di origine, gli Effetto Musica Ensemble hanno probabilmente scelto l’unica via possibile per poter rendere in modo originale musica ormai divenuta immortale: la calligrafia peculiare del quintetto, la loro capacità interpretativa e la chimica dell’ensemble rendono peraltro degna l’esperienza d’ascolto del progetto…” 

Mauro Montalbani - MUSIBRASIL


 

“ Un disco che onora il catalogo Philolgy “  Paolo Piangiarelli 

 

 

“…questa è la prova della musicalità di Effetto Musica Ensemble e di Claudia Marss, con la sua voce personale, il suo stile, la capacità di interpretare la musica brasiliana. Chi ascolterà questo disco non lo dimenticarà più…” 

Irio De Paula            

                                                                                                                                                         

 

“… con poche ma calibrate mosse L’Effetto Musica Ensemble registra un disco valido, fine, di gusto, paradossalmente neanche troppo costretto alla cerchia degli appassionati di bossa. Vi si possono trovare vere e proprie perle che difficilmente deluderanno all’ascolto: su tutte una straordinaria interpretazione vocalica…”  Achille Zoni – JAZZITALIA

 

 

“ …è un incantevole bozzetto chiaroscurale di grande lirismo che va dritto al cuore dell’ascoltatore. Lo informa una interpretazione destrutturata e destrutturante del tessuto originario, dall’alto di un canto ricco di lirismo e sobria grazia…”   Maurizio Zerbo – ALL ABOUT JAZZ

 

 

“…un disco che ci accompagna tra l’opera magna del Maestro senza banalità e con momenti coraggiosi che ce ne fanno riscoprire ancora una volta di più la sua grandezza e in un epoca di rivisitazioni fotocopia non è poco…”   Massimo Cannizzaro – MUSIBRASIL


…il sound ottenuto dall'Effetto Musica Ensemble risulta molto gradevole: il flauto fa da contrappunto alla voce o esegue costantemente delle linee melodiche introduttive, di raccordo o di background durante l'esposizione della melodia, la voce, ovviamente perfetta nella pronuncia scorre molto sicura su ogni frase personalizzando diversi passaggi, la chitarra rispetta le parti degli arrangiamenti suonando sempre con pulizia e sicurezza, il piano fa da regista costruendo un tessuto armonico costante sul quale tutti gli altri, piano stesso incluso, possono muoversi con continuità, la ritmica è impeccabile nella dinamica tanto negli obbligati quanto nell'accompagnamento anche sui tempi dispari…”     

Marco Losavio – JAZZITALIA

 

 

“…tutti i musicisti impegnati nel progetto, oltre a evidentemente essere cultori della materia, offrono una prova davvero convincente, al servizio di un Maestro che da lassù non disdegnerebbe sicuramente questo omaggio…”  Mauro Montalbani - MUSIBRASIL