JAZZ, BOSSA AND COVER FOR CLASSICAL GUITAR


INTERNATIONAL PURCHASE

 

PURCHASE FROM ITALY

 

 

Longing to play Jazz and Bossa Nova standards on the classical guitar, I came up with an idea for a project aimed particularly at classical guitarists: "JAZZ for CLASSICAL GuitaR". While creating the arrangements, I took into account both the classical and the Jazz styles, drawing inspiration from guitarists such as Irio De Paula, Eddy Palermo, Marco Pereira, Charlie Byrd, Antonio Onorato and John Williams… just to name a few. My goal was twofold: on one hand, to keep to the timing and improvisational technique typically found in Jazz music, and on the other: to work in accordance with the principles and mindset of a classical guitarist.The solo parts contained in this book have been scored for your convenience, but this does not prevent in the least, anybody from changing the music to their musical taste and background. All tracks are accompanied by guitar tabs. Moreover, you can watch them on YouTube. I really hope you will find this work useful and motivating. Have Fun!

Gianluca Marino
                                                                                                                                                                                                                         

“JAZZ for CLASSICAL GuitaR” è un progetto che nasce dal desiderio di suonare degli standard di Jazz e di Bossa-nova sulla chitarra classica, ed è quindi rivolto principalmente al mondo della chitarra classica. Questi arrangiamenti sono stati concepiti tenendo conto sia del linguaggio classico sia di quello jazzistico. Mi sono ispirato a chitarristi come Irio De Paula, Eddy Palermo, Marco Pereira, Charlie Bird, Antonio Onorato, John Williams ed altri, cercando da una parte di non tradire quello che è lo stile esecutivo e il modus operandi di un musicista classico e dall’altro di tener presente la prassi esecutiva e la pronuncia jazzistica che tengono conto del timing e dell’improvvisazione. In questo volume i soli sono scritti ma ciò non toglie la possibilità di sviluppare e modificare il testo musicale in base alle proprie influenze e gusti musicali. Tutti i brani sono proposti anche in tablatura e sono visionabili su Youtube. Mi auguro che gli arrangiamenti siano graditi e stimolanti. Buon lavoro!

Gianluca Marino

                                                                                                                                                                                                                                 

"Gli arrangiamenti di Gianluca Marino rivelano un gusto raffinato e una conoscenza profonda del repertorio proposto.
Il contrappunto e l'elaborazione armonica sono resi sapientamente e la giusta combinazione tra il popolare e il colto fanno di queste musiche un materiale ricco di possibilità per l'interprete moderno. In definitiva un lavoro che non può mancare nella biblioteca di ogni chitarrista davvero motivato nella scoperta di nuovi repertori…"

Gianvito Pulzone (Direttore GuitArt Magazine)
                                                                                                                                                                                                   
"Ho letto con piacere gli arrangiamenti di Gianluca Marino e ne ho apprezzato il gusto e la fantasia.

Sono pagine piacevoli da suonare e danno la possibilità' ai chitarristi di sperimentare le armonie complesse, i ritmi e i fraseggi tipici della Bossa Nova, un genere musicale così vicino ma nello stesso tempo così' misterioso per chi si dedica solo al classico."

Flavio Cucchi
                                                                                                                                                                                                                                                 
" Ho trovato questo suo lavoro, improntato principalmente sulla Musica brasiliana, molto interessante. La rilettura che fa Gianluca di questi brani classici e` originale e raffinata con uno sviluppo armonico e melodico molto intrigante e mai scontato. E trattandosi di brani "classici" gia`suonatissimi e sentiti in tutte le salse possibili, e` facile cadere e "scadere"nel gia` sentito. Ma in questo caso non e` cosi`, basti pensare, giusto per fare un paio di esempi, al bordone tenuto sul brano How insensitive o alla magnifica rilettura di Manha de Carnaval."

Antonio Onorato
                                                                                                                                                                                                                                            
"La trascrizione è un lavoro pregevole e attento a non tradire l'impatto emozionale che suggerisce l'originale scrittura, come risulta scorrevole l'approccio di fraseggi che accarezzano il complesso mondo del jazz...per il chitarrista di impostazione classica ( e non..) è un ottimo viatico per andare oltre la gabbia dell'accademismo e liberare la vera essenza della musica."

Mauro Di Domenico
                                                                                                                                                                                                                                      
"Sono troppo pochi i chitarristi jazz che si esprimono con la sonorità pura e incontaminata della chitarra classica. Questo importante lavoro colma questa lacuna mettendo in comunicazione questi due poli apparentemente opposti nel genere intermedio della bossa nova." 

Giovanni Monteforte
                                                                                                                                                                                                                                        
"Gianluca Marino è un grande musicista ed ha arrangiato in modo magistrale questi standards... Consiglio vivamente questo bellissimo libro e complimenti per il grande lavoro! bravo!!!"

Giuseppe Continenza

 

"Gianluca Marino un chitarrista travolgente!!!"

Fausto Cigliano

 


                                                                                                                                                                                                                                    

 

 

 

Quando la formazione accademica di un musicista - con il relativo preziosissimo bagaglio di competenze nel codificare l'esperienza sonora - si pone a servizio della musica tout court senza barriere e pregiudizi di sorta il risultato è qualcosa che lascia sempre il segno.

È quello che accade con la nuova produzione di Isuku-Verlag, che propone un nuovo progetto editoriale firmato Gianluca Marino, versatile e prolifico chitarrista attivo da anni in ambito classico e jazzistico.

 

Marino (in collaborazione con Scott Oullette che si è occupato del lavoro di editing musicale e di elaborazione del tabulato), da musicista attento anche alle esigenze di un pubblico diverso da quello accademico, propone l'arrangiamento di cinque importanti standard di jazz e di bossa-nova, interpolati da soli improvvisativi da lui ideati e trascritti.

Stiamo parlando di veri e propri capisaldi della musica mondiale: da 'Chega de Saudade' a 'Manha de Carnaval', pilastri della musica brasiliana, passando attraverso brani come 'Wave' e 'Stella by Starlight'.

 

Dal punto di vista strettamente commerciale ci troviamo di fronte ad una novità assoluta, un prodotto che da anni - e per anni - non troverà concorrenza: il fascino senza tempo di questi classici va di pari passo con il consenso che da sempre la bossa-nova e gli standard jazz incontrano anche in ambito accademico (non sono pochi i chitarristi classici che si dilettano a escogitare "ad orecchio" questi arrangiamenti), e l'idea di metterli su carta, con il valore aggiunto di una proposta improvvisativa tutt'altro che scontata (Marino è esperto jazzista oltre che chitarrista di formazione classica, e non gli manca certo lo swing giusto) è garanzia di successo. 

 

Considerando invece l'aspetto musicale c'è da dire che ci troviamo di fronte a un prodotto che ha tutte le qualità per diventare un vero e proprio 'must' del genere, poiché si inserisce in quella delicatissima nicchia di mercato di chitarristi capaci quanto sensibili nei confronti di una certa cultura armonica e ritmica ai quali non dispiace affatto inserire in una scaletta concertistica un certo tipo di repertorio. E proprio questa particolare sensibilità permette di apprezzare lo sforzo del chitarrista avellinese nel rendere appieno e con dovizia di particolari delle pagine sovrabbondanti di spunti musicali e tecnici sui quali - volendo - non si finirebbe mai di escogitare soluzioni idiomatiche tra le più disparate: in questo gli arrangiamenti di Marino non hanno nulla della semplice trascrizione, ma si pongono come delle vere e proprie elaborazioni nelle quali nulla viene lasciato al caso, così che ogni brano - sebbene informato dalla notazione - non perda nulla della genuinità originale, e resti autentico anche quando nella sua lettura 'nero su bianco' rischierebbe di risultare ingessato o incolore. Potremmo facilmente paragonare questi arrangiamenti a delle 'polaroid' istantanee, dei momenti musicali di per sé autonomi e che vivono di vita propria all'interno della tradizione musicale mondiale, catturati e impressi per sempre nell'autenticità e dei loro colori più vivi e brillanti dalla perizia tecnica di un 'fotografo' dalla mano estremamente ferma e sicura.

 

E il 'fotografo' Marino sceglie la luce giusta per il suo 'Retrato em branco e preto', imprimendo questi suoni sulla carta senza lesinare sui particolari, aggiungendo nella camera oscura il tocco improvvisativo personale nel quale il  lettore/interprete può scegliere di riconoscersi o provare a cimentarsi in una diversa soluzione, il tutto senza che lo 'scatto' ne risulti compromesso.

 

Infine, degna di nota l'intelligente veste editoriale che pone, accanto alla trascrizione in notazione tradizionale, anche la tablatura: perché negare al chitarrista non accademico il piacere di leggere capolavori come 'A Felicidade', risparmiando al tempo stesso al chitarrista classico l'onere di dover suonare 'a orecchio' questi brani senza tempo?

 

L'auspicio è dunque che il musicista avellinese si dedichi ad ampliare la sua interessantissima idea, nella quale, per la rarità e la precisione, cinque arrangiamenti sono anche pochi, mentre quelli che potrebbero esserci in una seconda raccolta sono tantissimi. 

Sarebbero sempre e comunque meno della moltitudine di chitarristi che li suonerebbe con enorme piacere.

 

 

Duilio Meucci

 

Recensione jazzitalia (http://www.jazzitalia.net/recensioni/jazzandbossaforclassicalguitar.asp#.VE9PP0uaGyt)

 

Laurindo Almeida, Charlie Byrd, Lenny Breau sono solo alcuni dei precursori dell'utilizzo della chitarra classica in ambito jazzistico, partendo dalla base più naturalmente consona, la bossa-nova, per poi approdare a tutti i principali standard e "sdoganando" uno strumento che, al contrario delle impressioni, ha una sonorità ricca e, soprattutto, molto pulita che ben si presta a dinamiche intense. Gianluca Marino, chitarrista avellinese, con alle spalle studi classici e profonda conoscenza del linguaggio jazzistico, raccoglie quel testimone e si cimenta nell'arrangiamento di quattro grandi classici della bossa-nova ("A Felicidade", "Manhã De Carnaval", "Wave", "Chega De Saudade") e di uno standard della musica americana ("Stella By Starlight") sempre arrangiato in chiave bossa. Tutti i brani, comprese la parti di improvvisazione, sono disponibili nel libro "Jazz and Bossa for Classical Guitar" edito dalla Isuru Verlag, trascritti sia su pentagramma che su tablatura da Scott Oullette, inoltre sul canale YouTube di Marino è possibile ascoltarne e visionarne l'esecuzione.

Negli arrangiamenti si notano progressioni tipiche della chitarra jazz e armonizzazioni negli arpeggi che derivano invece dall'impostazione classica. Questo mix, con la ragguardevole tecnica di Marino, è il punto di forza degli arrangiamenti poiché consente di far emergere al meglio quella peculiarità di cui sopra, vale a dire una sonorità molto pulita in ogni parte della tastiera e un'accurata e varia gestione della dinamica senza tralasciare l'aspetto ritmico che, in una musica come la bossa-nova, è determinante.

Un lavoro valido e utile a vari livelli il quale può offrire sia nuove idee su classici molto noti, che stimoli didattici per esercitarsi e migliorare la propria tecnica.

Marco Losavio per Jazzitalia